BREXIT & IP

Il 31 Gennaio il Regno Unito potrebbe uscire definitivamente dall’Unione Europea. Cosa accadrà ai marchi in caso di uscita senza accordo?

Marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) registrati:

  • A partire dalla data di uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, i marchi (anche se già registrati) non godranno più di tutela in tale territorio.
  • Verrà comunque garantita la continuità della tutela dei marchi dell’Unione Europea e dei Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea), mediante la conversione degli stessi in titoli equivalenti nel Regno Unito.
  • Il titolo nazionale UK equivalente conserverà la medesima data di deposito, di priorità e i medesimi prodotti e servizi del titolo europeo.
  • Il titolare del marchio convertito potrà decidere di rinunciare al marchio nazionale UK, se non interessato a mantenerlo (c.d. opting out).


Marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) pendenti:

  • I marchi dell’Unione Europea e i Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) non ancora giunti a registrazione non verranno automaticamente convertiti in titoli equivalenti UK.
  • Entro 9 mesi dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, il titolare del marchio pendente potrà presentare una nuova domanda di registrazione all’Ufficio Britannico della Proprietà Intellettuale (UKIPO), al fine di conservare la stessa data di deposito, di priorità e preesistenza del titolo europeo.

Nuove domande di registrazione di marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea):

  • Dopo il 31 Gennaio 2020, il titolare interessato ad ottenere la protezione del marchio nel Regno Unito, dovrà presentare una specifica domanda di registrazione di marchio presso l’UKIPO:
Commenti ( 0 )