MISE – UIBM – Aggiornamenti Ottobre 2020

2020_10_Nota_tavolo_Imprese_Aggiornamenti_OTTOBRE_2020

MISE-UIBM – Aggiornamenti Settembre 2020

Nota tavolo Imprese – Aggiornamenti 30 SETTEMBRE 2020 –1

Covid-19 & IP: L’impatto dell’emergenza sanitaria in Italia e Unione Europea

Vista l’emergenza sanitaria e le conseguenti limitazioni alle attività lavorative in Italia e nella maggior parte degli Stati Europei, l’UIBM (Ufficio Italiano Brevetti e Marchi), l’EUIPO (l’Ufficio Europeo per la Proprietà Intellettuale) e l’EPO (Ufficio Brevetti Europeo) hanno disposto le seguenti proroghe:


Con decreto del 17 marzo 2020 n. 18, sono stati sospesi fino al 15 aprile 2020 tutti i termini, inclusi quelli perentori, relativi a procedimenti amministrativi (su istanza di parte o d’ufficio) pendenti alla data del 23 febbraio 2020 o iniziati successivamente a tale data.
Inoltre, certificati, attestati, permessi, concessioni, autorizzazioni e atti abilitativi comunque denominati, in scadenza tra il 31 gennaio e il 15 aprile 2020 conservano la loro validità fino al 15 giugno 2020.


Con decisione del 16 marzo 2020, sono stati prorogati fino al 1° maggio 2020 tutti i termini in scadenza tra il 9 marzo 2020 e il 30 aprile 2020.
Dato che venerdì 1º maggio è un giorno festivo, i termini sono prorogati fino a lunedì 4 maggio 2020.


Con decisione del 15 marzo 2020, sono stati prorogati fino al 17 aprile 2020 tutti i termini in scadenza dal 15 marzo 2020.
Tale decisione si applica anche alle domande internazionali (PCT).

Vi terremo debitamente aggiornati su eventuali ulteriori proroghe, restando a Vostra disposizione per
qualsiasi necessità.

Covid-19: R&A garantisce la piena continuità operativa

Siamo lieti di informarVi che, nonostante il periodo di emergenza che sta vivendo il nostro Paese a causa della rapida diffusione del Covid-19, R&A rimane operativa, assicurando a tutti i clienti la continuità del proprio lavoro sui casi di PI.

In conformità con le disposizioni introdotte dal nostro Governo, abbiamo implementato il c.d. smartworking dei nostri dipendenti e collaboratori, al fine di prevenire il rischio di contagio negli ambienti di lavoro.

Inoltre, sempre per mitigare il rischio di contagio, riteniamo utile privilegiare l’utilizzo dei sistemi di teleconferenza o videoconferenza in caso di riunioni coi nostri consulenti.

Siamo sicuri che tale modalità operativa non influenzerà il normale svolgimento delle nostre attività ma che, al contrario, rafforzerà il rapporto di fiducia coi nostri clienti.

Grazie per la collaborazione.

BREXIT & IP

Il 31 Gennaio il Regno Unito potrebbe uscire definitivamente dall’Unione Europea. Cosa accadrà ai marchi in caso di uscita senza accordo?

Marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) registrati:

  • A partire dalla data di uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, i marchi (anche se già registrati) non godranno più di tutela in tale territorio.
  • Verrà comunque garantita la continuità della tutela dei marchi dell’Unione Europea e dei Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea), mediante la conversione degli stessi in titoli equivalenti nel Regno Unito.
  • Il titolo nazionale UK equivalente conserverà la medesima data di deposito, di priorità e i medesimi prodotti e servizi del titolo europeo.
  • Il titolare del marchio convertito potrà decidere di rinunciare al marchio nazionale UK, se non interessato a mantenerlo (c.d. opting out).


Marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) pendenti:

  • I marchi dell’Unione Europea e i Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea) non ancora giunti a registrazione non verranno automaticamente convertiti in titoli equivalenti UK.
  • Entro 9 mesi dall’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea, il titolare del marchio pendente potrà presentare una nuova domanda di registrazione all’Ufficio Britannico della Proprietà Intellettuale (UKIPO), al fine di conservare la stessa data di deposito, di priorità e preesistenza del titolo europeo.

Nuove domande di registrazione di marchi dell’Unione Europea e Marchi Internazionali (estesi all’Unione Europea):

  • Dopo il 31 Gennaio 2020, il titolare interessato ad ottenere la protezione del marchio nel Regno Unito, dovrà presentare una specifica domanda di registrazione di marchio presso l’UKIPO:

BANDO DISEGNI +4

Con decreto del 18 ottobre 2019, pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 256 del 31 ottobre 2019, il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 13.000.000,00 di € per la concessione di agevolazioni alle imprese, volte alla valorizzazione dei disegni e dei modelli.

Le domande potranno essere presentate sul form disponibile sul sito www.disegnipiu4.it a partire dalle ore 9:00 del 27 febbraio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Pertanto, al fine di usufruire dei contributi messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, si suggerisce di verificare la sussistenza dei requisiti richiesti e di inviare le domande il prima possibile.

DESTINATARI DEL BANDO:
Sono ammissibili alle agevolazioni previste dal Bando le imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  • Avere una dimensione di micro, piccola o media impresa;
  • Avere sede legale e operativa in Italia;
  • Essere regolarmente costituite, iscritte nel Registro delle Imprese e attive;
  • Non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali e non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.);
  • Essere titolari dei disegni/modelli registrati oggetto del progetto di valorizzazione (quest’ultimi devono essere stati registrati a decorrere dal 1°gennaio 2018 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione ed essere in corso di validità).

La presente misura agevolativa non si applica alle imprese escluse dagli aiuti «de minimis», ai sensi dell’art. 1 delRegolamento (UE) 1407/2013.

Inoltre, non sono ammesse le imprese che abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca perindebita percezione di risorse pubbliche.

OGGETTO DELL’AGEVOLAZIONE:
Il progetto deve riguardare la valorizzazione di un disegno/modello singolo o di uno o più disegni/modelli appartenenti al medesimo deposito multiplo, registrati presso qualsiasi ufficio nazionale o regionale di proprietà intellettuale/industriale.

Saranno oggetto di agevolazione le spese che attengono allo specifico disegno/modello e al suo ambito di tutela, ossia all’aspetto dell’intero prodotto o di una sua parte quale risulta, in particolare, dalle caratteristiche delle linee, dei contorni, dei colori, della forma, della struttura superficiale ovvero dei materiali del prodotto stesso ovvero del suo ornamento.

TIPOLOGIA DELLE SPESE AMMISSIBILI:
Sono considerate ammissibili le spese per l’acquisizione dei servizi specialistici esterni sostenute successivamente alla data di registrazione del disegno/modello e in ogni caso non antecedenti alla data di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana del comunicato relativo al Bando in oggetto.
Pertanto, l’impresa può richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per l’acquisto di servizi specialistici esterni funzionali al proprio progetto, suddivise nelle seguenti fasi:

  • FASE 1 PRODUZIONE:
    Questa Fase è destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la messa in produzione e l’offerta sul mercato di nuovi prodotti a esso correlati.
    Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:
    a. ricerca sull’utilizzo dei nuovi materiali; b. realizzazione di prototipi; c. realizzazione di stampi; d. consulenza tecnica per la catena produttiva finalizzata alla messa in produzione del prodotto/disegno; e. consulenza tecnica per certificazioni di prodotto o di sostenibilità ambientale; f. consulenza specializzata nell’approccio al mercato (es. business plan, piano di marketing, analisi del mercato, ideazione layout grafici e testi per materiale di comunicazione offline e online) strettamente connessa al disegno/modello.
  • FASE 2 COMMERCIALIZZAZIONE:
    Questa Fase è destinata all’acquisizione di servizi specialistici esterni volti alla valorizzazione di un disegno/modello per la commercializzazione del titolo di proprietà industriale.
    Sono ammissibili le spese sostenute per l’acquisizione dei seguenti servizi:
    a. consulenza specializzata nella valutazione tecnico-economica del disegno/modello; b. consulenza legale per la stesura di accordi di licenza del titolo di proprietà industriale; c. consulenza legale per la tutela da azioni di contraffazione

Ad ogni modo, è bene precisare che Il disegno/modello può essere oggetto di una sola domanda di agevolazione e che potrà essere agevolata una sola domanda per impresa. Per ogni progetto è possibile includere attività relative alle Fasi A o Fase B o entrambe.

ENTITA’ DELLE AGEVOLAZIONI:
Le agevolazioni sono concesse nella forma di contributo per la realizzazione del progetto in misura massima pari all’80% delle spese ammissibili e nel rispetto degli importi massimi previsti per ciascuna Fase e per ciascuna tipologia di spesa.
Per la Fase 1 (Produzione), l’importo massimo dell’agevolazione è di euro 65.000,00.
Per la Fase 2 (Commercializzazione), l’importo massimo dell’agevolazione è di euro 10.000,00.

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:
Per accedere all’agevolazione occorre, innanzitutto, compilare il form online disponibile sul sito www.disegnipiu4.it a partire dalle ore 9:00 del 27 febbraio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
La compilazione del form consentirà l’attribuzione del numero di protocollo, che dovrà essere riportato nella domanda di agevolazione.
Entro il 5° giorno successivo alla data del protocollo assegnato, le imprese devono presentare la domanda per l’agevolazione, esclusivamente tramite Posta Elettronica Certificata (PEC) al seguente indirizzo: disegnipiu4@legalmail.it.

Le risorse saranno assegnate con procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

L’istruttoria delle domande avviene in ordine cronologico entro 150 giorni dalla compilazione on line. L’erogazione avviene entro 60 giorni dalla concessione del contributo.

Per maggiori informazioni: https://www.disegnipiu4.it/

RIAPERTURA TERMINI BANDO MARCHI + 3

A seguito dello stanziamento di nuove risorse finanziarie da parte del Ministero dello Sviluppo Economico (pari ad € 3.516.745,92), sono stati riaperti i termini per il bando Marchi+3 a favore delle Piccole e Medie Imprese italiane. Si tratta di una cospicua agevolazione economica, diretta a sostenere le capacità innovative e competitive delle PMI nei mercati esteri, attraverso la tutela dei propri segni distintivi.
Le nuove domande potranno essere presentate online sul sito www.marchipiu3.it dal 30 marzo 2020 (ore 9,00), fino ad esaurimento delle risorse disponibili.
Pertanto, al fine di usufruire dei contributi messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, si suggerisce di verificare la sussistenza dei requisiti richiesti e di inviare le domande il prima possibile.

DESTINATARI DEL BANDO:
Sono ammissibili alle agevolazioni previste dal Bando le imprese che, alla data di presentazione della domanda, siano in possesso dei seguenti requisiti:

  1. Avere una dimensione di micro, piccola o media impresa;
  2. Avere sede legale e operativa in Italia;
  3. Essere regolarmente costituite e iscritte nel Registro delle Imprese;
  4. Non essere in stato di liquidazione o scioglimento e non essere sottoposte a procedure concorsuali;
  5. Non avere nei propri confronti cause di divieto, di decadenza o di sospensione di cui all’art. 67 della vigente normativa antimafia (D. Lgs. n. 159/2011 e s.m.i.);
  6. Essere titolari del/i marchio/i oggetto della domanda di registrazione.

La presente misura agevolativa non si applica alle imprese escluse dagli aiuti «de minimis», ai sensi dell’art. 1 del Regolamento (UE) 1407/2013.
Inoltre, non sono ammesse le imprese che abbiano procedimenti amministrativi in corso connessi ad atti di revoca per indebita percezione di risorse pubbliche.

OGGETTO DELL’AGEVOLAZIONE:
Il Bando prevede agevolazioni dirette a:
1. Favorire la registrazione di marchi dell'Unione Europea presso l’Ufficio dell'Unione europea per la proprietà intellettuale (EUIPO) – Misura A;
2. Favorire la registrazione di marchi internazionali presso l’Organizzazione Mondiale per la Proprietà Intellettuale (OMPI) – Misura B.
Per uno stesso marchio è possibile cumulare le agevolazioni previste per le misure A e B (qualora nella misura B non si indichi l’Unione Europea come Paese designato) nel rispetto dei limiti dei valori massimi indicati per marchio e per impresa.

La pubblicazione della domanda di registrazione del marchio sul Bollettino dell’EUIPO per la misura A e/o sul registro internazionale dell’OMPI per la Misura B deve essere avvenuta, pena la non ammissibilità della domanda di agevolazione, a decorrere dal 1° giugno 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda di agevolazione.

TIPOLOGIA DELLE SPESE AMMISSIBILI:
MISURA A:
In relazione al deposito di domande di marchio dell’Unione Europea, è possibile richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per:

  • Progettazione del nuovo marchio (ideazione elemento verbale e progettazione elemento grafico);
  • Assistenza per il deposito;
  • Ricerche di anteriorità;
  • Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in caso di opposizione/rifiuto/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione. L’agevolazione per tale servizio potrà essere richiesta nel rispetto dei limiti previsti per singolo marchio – anche a fronte di un’agevolazione già concessa a valere sul presente Bando presentando, entro i termini di vigenza dello stesso e con una successiva richiesta, una nuova domanda di agevolazione;
  • Tasse di deposito presso EUIPO.

MISURA B:
In relazione alle domande di registrazioni presentate presso l’OMPI, l’impresa può richiedere un’agevolazione per le spese sostenute per:

  1. Progettazione del marchio nazionale/EUIPO (ideazione elemento verbale – ad esclusione dell’ideazione di un elemento verbale coincidente con la denominazione dell’impresa stessa – e/o progettazione elemento grafico) utilizzato come base per la domanda internazionale, a condizione che quest’ultima venga depositata entro 6 mesi dal deposito della domanda di registrazione presso UIBM o presso EUIPO. L’attività di progettazione del marchio deve essere effettuata da un professionista grafico titolare di partita IVA relativa all’attività in oggetto o da un’azienda di progettazione grafica/comunicazione;
  2. Assistenza per il deposito effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library;
  3. Ricerche di anteriorità per verificare l’eventuale esistenza di marchi identici e/o di marchi simili che possano entrare in conflitto con il marchio che si intende registrare, effettuate da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati o da un centro PATLIB – Patent Library;
  4. Assistenza legale per azioni di tutela del marchio in risposta a opposizioni/rilievi seguenti al deposito della domanda di registrazione effettuata da un consulente in proprietà industriale iscritto all’Ordine dei consulenti in proprietà industriale o da un avvocato iscritto all’Ordine degli avvocati.
    L’agevolazione per tale servizio potrà essere richiesta – nel rispetto dei limiti previsti per singolo marchio – anche a fronte di un’agevolazione già concessa a valere sul presente Bando presentando, entro i termini di vigenza dello stesso, una nuova successiva domanda di agevolazione;
  5. Tasse sostenute presso UIBM o EUIPO e presso OMPI per la registrazione internazionale.

Ai fini dell’ammissibilità della domanda di agevolazione, tutte le spese (fatture emesse e pagamenti effettuati, comprese le tasse di deposito) devono essere sostenute a decorrere dal 1° GIUGNO 2016 e comunque in data antecedente la presentazione della domanda stessa.

In particolare, con riferimento alla documentazione relativa alle spese sostenute, devono essere allegate:

  • copia delle fatture quietanzate in cui deve essere riportata la firma di quietanza del fornitore e la descrizione dei servizi specialistici in conformità alle tipologie di servizi richiesti;
  •  attestazione di pagamento (rilasciata dall’istituto di credito che ha effettuato il bonifico bancario o postale o riba) delle spese sostenute e da cui si evinca – a pena della non ammissibilità della spesa – l’avvenuto pagamento della spesa, l’importo e il nominativo del ricevente.

ENTITA’ DELLE AGEVOLAZIONI:
Misura A
L’agevolazione è concessa fino all’80% delle spese ammissibili sostenute.
L’importo massimo complessivo dell’agevolazione è pari a € 6.000,00 per domanda relativa ad un marchio depositato presso l’EUIPO.

Misura B
L’agevolazione è concessa fino all’80% (90% per USA o CINA) delle spese ammissibili sostenute.
Per le domande di registrazione internazionale depositate dal 1° giugno 2016 l’importo massimo dell’agevolazione è pari a:

  • € 6.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi un solo Paese;
  • € 7.000,00 per ciascuna richiesta di agevolazione relativa ad un marchio depositato presso OMPI che designi due o più Paesi.

In caso di domande depositate dal 1° giugno 2016, è possibile chiedere agevolazioni per la designazione di ulteriori Paesi fino all’importo massimo di € 7.000,00. Qualora la designazione successiva interessi i Paesi USA e/o Cina, senza che nessuno dei due Paesi sia stato designato in precedenti richieste di agevolazione, queste saranno cumulabili fino all’importo massimo di € 8.000,00.

Per domande di registrazione internazionale depositate prima del 1° giugno 2016 è possibile richiedere agevolazioni solo per le designazioni successive effettuate dopo il 1° giugno 2016; in tal caso l’importo massimo delle agevolazioni è pari a:

  • € 2.000,00 per domanda di designazione successiva di un solo Paese depositata presso l’OMPI;
  • € 3.000,00 per domande di designazione successiva di due o più Paesi depositate presso l’OMPI.

Resta inteso che nel caso di designazioni di due o più Paesi effettuate in momenti diversi l’importo massimo
cumulabile delle agevolazioni sarà di € 3.000,00.

Ciascuna impresa può presentare più richieste di agevolazione, sia per la Misura A sia per la Misura B, fino al raggiungimento del valore complessivo di € 20.000,00.
PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:
Per accedere all’agevolazione occorre, innanzitutto, compilare il form online disponibile sul sito www.marchipiu3.it. La compilazione del form consentirà l’attribuzione del numero di protocollo, che dovrà essere riportato nella domanda di agevolazione.
Entro 5 giorni dalla data del protocollo assegnato, le imprese devono presentare la domanda per l’agevolazione, esclusivamente attraverso Posta Elettronica certificata (PEC) al seguente indirizzo: marchipiu3@legalmail.it.

Le risorse saranno assegnate con procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande.

L’istruttoria delle domande avviene in ordine cronologico entro 120 giorni dalla compilazione on line. L’erogazione avviene entro 60 giorni dalla concessione del contributo.

Per maggiori informazioni: https://www.marchipiu3.it/

BANDO BREVETTI+

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha stanziato 21,8 milioni di euro per il bando “Brevetti+”, affidando la gestione del progetto ad INVITALIA (Agenzia nazionale per l’attrazione degli investimenti e lo sviluppo d’impresa S.p.A.).
Il Bando mira a sostenere la capacità innovativa e competitiva delle Piccole e Medie Imprese, mediante la valorizzazione e lo sfruttamento economico dei brevetti sui mercati nazionale e internazionale.

Le domande possono essere presentate a partire dalle ore 12:00 del 30 Gennaio 2020 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Pertanto, al fine di usufruire dei contributi messi a disposizione dal Ministero dello Sviluppo Economico, si suggerisce di verificare la sussistenza dei requisiti richiesti e di inviare le domande il prima possibile.

DESTINATARI DEL BANDO:
Le agevolazioni sono rivolte alle PMI, con sede legale e operativa in Italia, che possiedono almeno uno dei seguenti requisiti:
– Titolari o licenziatari di un brevetto per invenzione industriale concesso in Italia successivamente al 1° gennaio 2017;
– Titolari di una domanda nazionale di brevetto per invenzione industriale depositata successivamente al 1° gennaio 2016 con un rapporto di ricerca con esito “non negativo”;
– Titolari di una domanda di brevetto europeo o di una domanda internazionale di brevetto depositata successivamente al 1° gennaio 2016, con un rapporto di ricerca con esito “non negativo” che rivendichi la priorità di una precedente domanda nazionale di brevetto;
– In possesso di una opzione o di un accordo preliminare che abbia per oggetto l’acquisto di un brevetto o l’acquisizione in licenza di un brevetto per invenzione industriale, rilasciato in Italia successivamente al 1° gennaio 2017, con un soggetto, anche estero, che ne detenga la titolarità;
– Imprese neo-costituite in forma di società di capitali, a seguito di operazione di Spin-off universitari/accademici.

TIPOLOGIA DELLE SPESE AMMISSIBILI:
Il contributo viene concesso per spese di acquisto di servizi specialistici, funzionali alla valorizzazione economica del brevetto sia all’interno del ciclo produttivo, sia sul mercato. In particolare, sono ammissibili i costi dei seguenti servizi, IVA esclusa:

  1. Industrializzazione e ingegnerizzazione
    i. studio di fattibilità (specifiche tecniche con relativi elaborati, individuazione materiali, definizione ciclo produttivo, layout prodotto, analisi dei costi e dei relativi ricavi);
    ii. progettazione produttiva;
    iii. studio, progettazione ed ingegnerizzazione del prototipo;
    iv. realizzazione firmware per macchine controllo numerico;
    v. progettazione e realizzazione software solo se relativo al procedimento oggetto della domanda di brevetto o del brevetto;
    vi. test di produzione;
    vii. produzione pre-serie (solo se funzionale ai test per il rilascio delle certificazioni);
    viii. rilascio certificazioni di prodotto o di processo.
  2. Organizzazione e sviluppo
    i. servizi di IT Governance;
    ii. studi ed analisi per lo sviluppo di nuovi mercati geografici e settoriali;
    iii. servizi per la progettazione organizzativa;
    iv. organizzazione dei processi produttivi;
    v. definizione della strategia di comunicazione, promozione e canali distributivi.
  3. Trasferimento tecnologico
    i. proof of concept;
    ii. due diligence;
    iii. predisposizione accordi di segretezza;
    iv. predisposizione accordi di concessione in licenza del brevetto;
    v. costi dei contratti di collaborazione tra PMI e istituti di ricerca/università (accordi di ricerca sponsorizzati);
    vi. contributo all’acquisto del brevetto (solo per gli Spin Off e le start up innovative iscritte nel registro speciale al momento della presentazione della domanda di accesso); non sono ammissibili le componenti variabili del costo del brevetto (a titolo meramente esemplificativo: royalty, fee).

Ai fini dell’ammissibilità delle spese, i relativi pagamenti devono essere regolati esclusivamente con modalità che consentano la piena tracciabilità degli stessi (bonifico bancario, RI.BA., R.I.D., assegni microfilmati, carte di credito o di debito).
Non possono essere ammessi alle agevolazioni quei servizi le cui spese siano state fatturate, anche parzialmente, in data pari o antecedente alla data di presentazione telematica della domanda di ammissione.

ENTITA’ DELLE AGEVOLAZIONI:
Le agevolazioni nel rispetto della regola del de minimis, prevedono un contributo a fondo perduto fino a un massimo di 140.000 euro, che non può superare l’80% dei costi ammissibili.
Unica eccezione è prevista per gli spin-off accademici e per le iniziative con sede operativa in Basilicata, Calabria, Campania, Puglia e Sicilia, per cui le agevolazioni possono arrivare al 100% dei costi ammissibili.

Le risorse saranno assegnate con procedura valutativa a sportello, secondo l’ordine cronologico di presentazione delle domande e sino a esaurimento delle risorse disponibili;

PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA:
Le richieste di erogazione devono essere presentate tramite la procedura informatica predisposta da INVITALIA sul sito www.invitalia.it.
A seguito di controllo amministrativo, le domande ammesse alle agevolazioni devono necessariamente presentare la documentazione atta a dimostrare l’effettiva titolarità del brevetto o del contratto definitivo di licenza d’uso del brevetto oggetto del progetto di valorizzazione. Inoltre, il piano dei servizi (ossia servizi oggetto della valorizzazione) deve essere concluso entro 18 mesi dalla data di ricezione dell’atto di concessione del contributo sottoscritto dal richiedente e la richiesta di erogazione del Saldo deve essere inoltrata entro e non oltre 45 giorni dalla conclusione del piano stesso.
Infine, l’erogazione delle singole quote di agevolazione avviene previa effettuazione della verifica in merito alla vigenza e alla regolarità contributiva del soggetto beneficiario nonché delle altre verifiche stabilite nell’atto di concessione del contributo.

Per maggiori informazioni: https://uibm.mise.gov.it/

Bando MARCHI+3 – Agevolazioni alle imprese per favorire la registrazione di marchi dell’Unione Europea e internazionali – a partire dall’11 dicembre 2018

Il Ministero dello Sviluppo Economico ha incrementato la dotazione finanziaria iniziale del Bando Marchi+3 con lo scopo di sostenere le PMI italiane che vogliano potenziare la propria presenza nei mercati esteri mediante la registrazione di Marchi dell’Unione Europea e/o Marchi Internazionali. In particolare, le agevolazioni riguardano tutte le spese sostenute a partire dal 1° giugno 2016 fino alla data di presentazione della domanda di agevolazione.

I finanziamenti in oggetto potranno essere richiesti a partire dalle ore 9:00 dell’11 dicembre 2018 e fino ad esaurimento delle risorse disponibili.

Per ulteriori informazioni sui requisiti e le modalità per poter accedere a tali finanziamenti si rimanda ai seguenti link:

https://www.marchipiu3.it/P42A0C0S1/Marchi-3.htm

27 marzo 2017 – Ravenna

Il Brevetto Europeo con effetto Unitario. Confindustria Romagna – Via Barbiani, 10. Procedura e dettagli operativi.

Scarica il programma